Compral

News


Carrù, ASTA mondiale del BUE GRASSO da RECORD

Complessivamente sono stati venduti quattro buoi e due manzi per un totale di 47.550 euro.
 

È «Ufo»il bue più pagato dell’edizione numero 12 dell’asta mondiale del bue grasso di Carrù. Stamane (domenica 3 dicembre), sotto l’ala Boraserelli, è stato battuto a 10400 euro, più del doppio della sua base d’asta. Veliero è il secondo bue più ambito, battuto a 9000 euro. Entrambi sono stati acquistati da macellerie cuneesi, Ado Carni Ufo, La Granda Veliero. Il bue Unico invece, battuto a 8750 euro, andrà a Piacenza, Macelleria Callegari.

 

 

Buone quotazioni anche per Uopo, battuto a 8300 euro in favore della Macelleria Nicola «I binari del gusto» (Torino). I due manzi portati all’asta dal Consorzio di tutela del Bue Grasso di Carrù, Zar e Zoo, sono stati venduti rispettivamente a 5800 euro alla Macelleria Ronco di Torino e 5300 euro alla macelleria Chiavassa (Beinette). Durante l’asta (complessivamente le vendite sono state per 47550 euro) è preludio alla prossima Fiera Nazionale del bue Grasso, in programma l’8 dicembre. «Il bue e l’allevamento della razza bovina piemontese sono il grande traino della nostra economia» ha ricordato il sindaco Stefania Ieriti. 

(notizia tratta da LaStampa.it)

Torna indietro